«Nelle culture antiche gli alberi erano il simbolo della vita.

Al loro riparo donne e uomini dichiaravano il proprio amore, e mentre affidavano se stessi all’altro sentivano che più in alto, fra i rami, fiorivano i nidi, germogliavano le stagioni.

I poeti seppero vedere questa immagine, e la tramandarono nei secoli fino a quando l’Ariosto “incontrò” il Boiardo: fu così che l’Angelica affidò ad un albero il proprio amore per Medoro, fu così che l’Orlando si fece furioso».

Prendendo libera ispirazione dalle opere letterarie di Matteo Maria Boiardo (Orlando innamorato – 1483) e Ludovico Ariosto (Orlando furioso – 1532), la cooperativa sociale Raptus e il progetto giovani comunale di Scandiano hanno realizzato delle installazioni artistiche per evocare un’immagine antica, radice del nostro presente: l’albero come simbolo di ciò che ospita e dona la vita, al quale donne e uomini possono affidare ogni loro forma di amore. Le installazioni artistiche prenderanno vita grazie ai pensieri che le persone vorranno scrivere presso il nostro stand fra Via Garibaldi e Piazza della Libertà. Vi aspettiamo al Festival Love 2016!

Le radici dell’amore – a cura della cooperativa sociale Raptus e del progetto giovani comunale di Scandiano

L’albero è simbolo di ciò che ospita e dona la vita, condividi un tuo pensiero d’amore e realizza insieme a noi un’installazione artistica ispirata all’Orlando innamorato e furioso.