Sabato 1 giugno ore 22 Cortile della Rocca dei Boiardo

Si parla d’amore a Scandiano attraverso una tappa speciale dell’ Italia Intatta Tour con il geologo Mario Tozzi.

Spesso ci viene raccontata un’Italia bellissima, l’Italia dei grandi siti archeologici, delle innumerevoli città d’arte e delle terme monumentali. Un paese meraviglioso che, nei secoli passati, i figli dell’aristocrazia europea eleggevano a meta del loro Grand Tour, finendo invariabilmente per innamorarsene. Altre volte, invece, l’immagine più diffusa è quella di un’Italia sfigurata, che nel continente vanta il triste primato del più alto consumo di suolo, e dove l’inestimabile patrimonio naturale e culturale viene sfregiato, distrutto o svenduto.

Qual è, dunque, il vero volto del nostro paese? Probabilmente né l’uno né l’altro, perché l’Italia è un incredibile mosaico, ricomposto così tante volte da renderne irriconoscibile il disegno originario, ma nel quale affiorano, in mezzo a centinaia di orrori, tessere di vivida bellezza, qualcuna ancora magicamente intatta… (M.T.)

Per scrivere il suo ultimo libro, L’Italia Intatta (ed. Mondadori), il geologo e divulgatore MARIO TOZZI si è spinto nei luoghi più reconditi e nascosti, intatti appunto trovandoli quasi in ogni regione: intatti perché risparmiati dal turismo di massa; perché salvati dalla cementificazione; perché inaccessibili ai mezzi di locomozione veloci…

Un’Italia intatta c’è, esiste ancora: nel giardino di casa, nelle città, a volte basta rallentare il passo per riconoscerla; imparare a conoscerla è l’unico modo non solo per riappropriarsene ma per sentire la responsabilità e il dovere di conservarla, in quanto traccia delle profonde radici di un’identità culturale e di una storia che sono il vero bene da lasciare in eredità alle generazioni future. Ecco allora l’idea di un tour lungo le regioni e le province che ospitano alcuni di quei luoghi per raccontarne l’importanza e il valore insieme a chi sul territorio è impegnato a preservarli e promuoverli.

Mario Tozzi è Primo ricercatore presso il Consiglio nazionale delle ricerche. È presidente del Parco regionale dell’Appia Antica ed è membro del Consiglio scientifico del WWF. Tra i programmi televisivi che ha condotto l’ultimo «Sapiens, un solo pianeta» su Rai Tre e prima «Terzo Pianeta» e «Gaia»; su La7 «Atlantide», «Allarme Italia» e «La Gaia Scienza». Su Rai Uno ha condotto «Fuori Luogo» e collabora a «Kilimangiaro» su Rai Tre. Per la radio ha condotto «Tellus» (RadioDueRai). Scrive su «La Stampa» e su «Qui Touring». Ha collaborato con «National Geographic», «Vanity Fair» e «Oasis». Tra i suoi libri ricordiamo Italia segreta (2008), Pianeta Terra ultimo atto (2012), Tecnobarocco (2015) e Paure fuori luogo (2017).